Nel 2023, dopo 8 anni di attesa, gli utenti di MtGox dovrebbero ricevere una parte dei Bitcoin rubati.

Nel 2014, l’ex piattaforma di criptovalute MtGox è stata vittima di un hack accuratamente orchestrato. Centinaia di migliaia di Bitcoin sono stati sottratti e l’azienda ha dichiarato fallimento nonostante abbia salvato 200.000 BTC. Da allora, gli utenti sono rimasti all’oscuro del loro destino. Ma ora possono ritenersi fortunati, perché una soluzione sembra molto vicina.

Tutti i clienti di MtGox dovrebbero essere rimborsati... in parte

Gli ex clienti della piattaforma di scambio MtGox possono finalmente tirare un sospiro di sollievo. Dopo otto anni di incertezza, questi ex utenti della piattaforma giapponese dovrebbero riavere i loro fondi Bitcoin.

Con MtGox, tutto è iniziato all’inizio del 2014. Dopo aver subito un grave hack, la piattaforma di scambio ha perso diverse centinaia di migliaia di Bitcoin. Non avendo modo di compensare questo enorme ammanco, l’azienda va in bancarotta e chiude i battenti senza rilasciare alcuna dichiarazione sui beni dei clienti.

Gli investitori lamentano una fuga di notizie e tentano di intraprendere un’azione legale, mentre i curatori fallimentari giapponesi si occupano del caso. Certo, il processo è stato lungo, lasciando i clienti in attesa senza fine, ma dopo l’annuncio dell’arresto e dell’estradizione dell’hacker di MtGox, c’è un senso di sollievo in questa storia.

Distribuzione di 140.000-180.000 BTC

Il numero esatto di BTC che verranno ridistribuiti non è ancora stato reso noto. Tuttavia, può essere stimato tra i 140.000 e i 180.000 BTC. Questi Bitcoin sono valutati tra i 2,7 e i 3,5 miliardi di dollari. Ciò ha provocato lo scetticismo di molti investitori circa il potenziale impatto sul mercato delle criptovalute.

Nel suo annuncio del 6 ottobre 2022, Nobuaki Kobayashi, il curatore fallimentare incaricato della liquidazione, dà agli ex clienti di MtGox tempo fino al 10 gennaio 2023 per registrarsi e scegliere il metodo di pagamento più adatto a loro. È in fase di lancio una funzione che consente ai creditori di selezionare facilmente il metodo di compensazione e di registrare le informazioni tramite il seguente link

https://claims.mtgox.com/.

Al momento della registrazione, i creditori devono scegliere tra due opzioni di rimborso. La prima opzione è il “rimborso forfettario anticipato” che prevede un rimborso immediato del 21% del valore perso. La seconda opzione è il “rimborso finale“. Questa opzione consente di recuperare oltre il 21% dei fondi persi accettando un’attesa prolungata.

Bitstamp si posiziona come via d'uscita

Per il momento non sono stati forniti dettagli sui tempi di distribuzione, anche se si ritiene che il rimborso possa iniziare nel primo trimestre del 2023.

Dopo l’annuncio della riabilitazione degli ex utenti di MtGox, la società di criptovalute Bitstamp sostiene il processo. Gli ex utenti della piattaforma giapponese potranno quindi ricevere i loro Bitcoin su Bitstamp. Questo piano di risanamento riguarda circa 23.700 conti.

Autore

Vi siete persi nell'universo delle criptovalute? Benvenuti su Criptosociety, la piattaforma educativa dove divulghiamo le criptovalute e i Bitcoin per aiutarvi a scoprire questo universo decentralizzato attraverso varie presentazioni di progetti cripto, accompagnate da guide e tutorial.

Scrivere un commento