Cos'è Ethereum 2.0 - la sfida della scalabilità

Dal suo lancio nel 2015, molti ecosistemi innovativi sono emersi sulla rete Ethereum (ETH). Per questo motivo, abbiamo assistito al fenomeno delle ICO, delle DeFi e delle NFT che hanno infiammato l’ecosistema delle criptovalute.

Purtroppo, deve affrontare un problema importante: i costi di transazione. In effetti, le prestazioni attuali di Ethereum sono dell’ordine di 20 transazioni al secondo. Questa performance, unita all’elevata congestione della rete, ha portato a un aumento delle commissioni di transazione.

Ethereum tasse
Evoluzione delle commissioni in USD su Ethereum dal 1° gennaio 2020 – Fonte: Etherscan.

Molte soluzioni stanno cercando di risolvere il problema della scalabilità di Ethereum. Il più ambizioso e promettente è l’aggiornamento di Ethereum 2.0, pensato tra gli altri dal cofondatore di Ethereum Vitalik Buterin.

Ethereum 2.0: il passaggio alla Proof of Stake

Una delle pietre miliari di questo aggiornamento è la modifica del modo in cui vengono prodotti i blocchi. Ethereum passerà da una modalità di consenso Proof of Work (POW), basata sui minatori, a una modalità di consenso Proof of Stake (POS), basata sui nodi validatori.

Questa transizione, prevista per giugno 2022, è chiamata “The Merge”. Il suo scopo è quello di interconnettere il livello applicativo di Ethereum 1.0 con il livello del consenso di Ethereum 2.0. Questo livello di consenso Proof of Stake, noto come Beacon Chain, è stato lanciato nel dicembre 2020.

Il Merge è attualmente in fase di test sulla rete di prova Kintsugi. A differenza delle precedenti devnet, Kintsugi è aperta a tutta la comunità.

Una volta distribuite, le transazioni che avvengono su Ethereum come lo conosciamo saranno inviate e convalidate dai validatori di staking che operano sulla Beacon Chain. Pertanto, questo segnerà la fine dell’estrazione di ETH.

Purtroppo, questa transizione non apporterà alcun miglioramento significativo alle prestazioni di Ethereum. Di conseguenza, l’impatto sulle commissioni di transazione di Ethereum sarà minimo.

Tuttavia, è importante perché svolge diverse funzioni:

Migliorare le prestazioni delle soluzioni di secondo livello (Layer 2), che sono vere e proprie soluzioni ai problemi tariffari attuali.

Preparate l’arrivo della vera soluzione ai costi di transazione: lo sharding.

Sharding: la soluzione ai problemi di Ethereum

Lo sharding è il secondo grande tassello dell’aggiornamento di Ethereum 2.0. Questo miglioramento separerà la rete in 64 sottocatene, chiamate shard. Ciascuno di questi shard sarà responsabile di 1/64 del carico di rete.

La catena beacon, la spina dorsale di Ethereum 2.0, fungerà da organo di sincronizzazione per tutti questi shard. Questo assicura che i dati e gli stati della catena siano aggiornati tra gli shard.

In teoria, questo aggiornamento dovrebbe consentire di aumentare il numero di transazioni al secondo delle soluzioni di secondo livello a diverse decine di migliaia.

Tuttavia, si prevede che ciò non avverrà prima del 2023, se gli sviluppi precedenti non subiranno ulteriori ritardi.

Come abbiamo appena visto, l’aggiornamento di Ethereum 2.0 promette un futuro brillante per la rete di contratti intelligenti. Tuttavia, i ripetuti ritardi potrebbero consentire alle reti concorrenti, come Solana, di ottenere un vantaggio su Ethereum.

Autore

Vi siete persi nell'universo delle criptovalute? Benvenuti su Criptosociety, la piattaforma educativa dove divulghiamo le criptovalute e i Bitcoin per aiutarvi a scoprire questo universo decentralizzato attraverso varie presentazioni di progetti cripto, accompagnate da guide e tutorial.

Scrivere un commento

Please enter and activate your license key for Cryptocurrency Widgets PRO plugin for unrestricted and full access of all premium features.