La pluralità di blockchain e protocolli porta all'opacità delle comunicazioni tra i token esistenti in questi diversi ecosistemi. L'interoperabilità delle blockchain è uno dei principali obiettivi dell'ecosistema, sostenuto in particolare da progetti come Cosmos o Polkadot.

Nell’ambito di questa interoperabilità, un nuovo token si è distinto per la sua utilità trasversale. Questo è il wrapped token. Questa crypto, generalmente preceduta da una W, offre una soluzione a questo problema.

Cos'è un Wrapped Token, come funzionano, esempi, Vantaggi e limiti

Il meccanismo dei Wrapped Token

Il meccanismo è abbastanza semplice: prendiamo 1 ETH che vogliamo utilizzare sulla Smart Chain di Binance (BSC). Questo ETH non può essere utilizzato normalmente sulla BSC perché esiste un’incompatibilità tra i token ERC-20 e i token BEP-2. È qui che entra in gioco il token ” incartato”.

L’utente che desidera beneficiare del proprio ETH su un’altra blockchain dovrà procedere a un wrapping del proprio ETH per recuperare un wEth. Il suo ETH iniziale viene messo al sicuro in una cassaforte digitale, mentre in cambio di questo sequestro recupera un token dello stesso valore del suo ETH iniziale.

Il valore è essenziale in questo processo. Quando viene recuperato un token wrapped, il valore del token è simile a quello del token nativo.

I Wrapped token sono simili ai stablecoin?

Il meccanismo dei wrapped token può essere trasposto a un’altra categoria di token ben nota nel mondo delle criptovalute. Questa è la moneta stabile.

Sebbene i wrapped token non siano monete stabili, il loro meccanismo può essere assimilato ad esse. Una stablecoin è una criptovaluta il cui scopo è trasporre il valore di una valuta FIAT (euro, dollari) sulla blockchain. In questo senso, i wrapped token hanno un’esistenza simile alle stablecoin.

La responsabilità dei token incartati

La consistenza del valore del gettone si spiega con la combinazione di due fattori:

  • La presenza di un depositario (custodian) che detenga un importo esatto equivalente al numero di gettoni wrappati in circolazione

  • Una procedura di burn per il token wrappato che consenta il recupero dei suoi asset iniziali in qualsiasi momento

Il depositario può presentarsi in diverse forme, tra cui uno smart contract, un portafoglio (wallet) o una DAO (Decentralized Autonomous Organization).

L'utilità dei gettoni wrappati

La questione dell’interoperabilità è innegabile. Ma, in concreto, i vantaggi sono molteplici:

  • L’uso di token non nativi su un’altra blockchain

  • Aumento del capitale e della liquidità delle borse centralizzate e decentralizzate attraverso l’uso di token wrappati.
  • Un modo per evitare la congestione su una determinata blockchain utilizzando il token wrappato su un’altra blockchain.
  • Riduzione delle commissioni di transazione per gli utenti, in particolare sulla blockchain Ethereum

I limiti dei gettoni wrappati

L’interoperabilità della blockchain ha i suoi svantaggi. Il rischio principale dei token wrapped risiede nella presenza di una terza parte fidata. In effetti, per garantire la distribuzione dei gettoni confezionati, un depositario è obbligato a detenere l’esatto equivalente in gettoni nativi.

Se 100 wBTC vengono messi a disposizione degli utenti sulla blockchain Solana, il depositario deve tenere 100 BTC nel suo vault.

La salute di questo processo dipende dalla stabilità del gatekeeper, che deve essere all’altezza della fiducia riposta dagli utenti.

Come ogni soluzione, i bridge non sono immuni dal rischio di hacking. Questo è ciò che è successo nel caso di wormhole.

Un malintenzionato ha sfruttato una vulnerabilità nell’emissione dei contratti per privare i wETH sulla blockchain Solana della loro sostanza – e quindi del loro valore – mentre si impadroniva dei loro equivalenti ETH nel ponte offerto da wormhole.

Conclusione sui token wrappati

I token wrappati rappresentano un vero passo avanti positivo per l’interoperabilità della blockchain.

Rispondono a determinati problemi per i quali non sono ancora state trovate le risposte. In particolare, possiamo citare la scalabilità e l’aumento dei costi di transazione dovuti alla congestione della rete.

Tuttavia, il loro utilizzo non è privo di rischi e possiamo sperare in una migliore decentralizzazione del meccanismo in futuro per ridurre il rischio di inadempienza da parte del depositario dei token nativi.

Autore

Vi siete persi nell'universo delle criptovalute? Benvenuti su Criptosociety, la piattaforma educativa dove divulghiamo le criptovalute e i Bitcoin per aiutarvi a scoprire questo universo decentralizzato attraverso varie presentazioni di progetti cripto, accompagnate da guide e tutorial.

Scrivere un commento

Please enter and activate your license key for Cryptocurrency Widgets PRO plugin for unrestricted and full access of all premium features.