La prova di puntata, più generalmente nota come PoS per Proof of Stake, è un sostituto della prova di lavoro, famosa grazie a Bitcoin, che mira a risolvere i limiti di quest’ultima. Questo meccanismo è molto discusso in quanto Ethereum prevede, attraverso il consenso, di cambiare la sua modalità di funzionamento da Proof of Work a Proof of Stake.

Anche se poche blockchain attualmente utilizzano questo sistema di convalida delle transazioni, il mondo delle criptovalute sembra preferire fortemente il processo PoS / Proof en Stake rispetto al Proof of Work e al suo algoritmo di funzionamento.

Come avrete scoperto nella nostra guida alla Proof of Work / PoW, la funzione di questi sistemi di convalida delle transazioni è quella di garantire la sicurezza della rete.

Come funziona la Proof of Stake (PoS) nelle criptovalute?

La Proof of Stake, come la sua cugina Proof of Work / PoW, consente di convalidare le transazioni, per blocchi, sulla blockchain. I minatori sono chiamati validatori e sono in realtà nodi che competono tra loro senza l’aiuto della potenza di calcolo. Invece, è necessario mettere in gioco un certo numero di token/monete di una criptovaluta, (PoS, vagamente traducibile in italiano come “prova che si ha un interesse in gioco”). I nodi vengono scelti in modo casuale per convalidare ogni blocco ed essere premiati.

pos vs pow

Per un nodo, maggiore è il numero di gettoni investiti, maggiori sono le possibilità che il nodo convalidi un blocco. Mettendo i loro token come “garanzia”, i validatori finiscono per essere ricompensati, in proporzione al loro rischio.

Invece di ricevere una ricompensa dei blocchi, i validatori ricevono direttamente le commissioni versate dagli utenti della rete.

Per motivare gli utenti della blockchain a partecipare alla rete, la ricompensa del “tasso di interesse” offerta ai validatori è molto alta quando pochi partecipanti sono attivi e diminuisce quando il numero di potenziali validatori aumenta, consentendo un’armonia naturale.

Qual è lo scopo della Proof of Stake / POS?

Il sistema Proof of Stake si propone di risolvere i problemi associati al sistema Proof of Work / PoW. Il consumo energetico di una rete Proof of Stake è molto più basso di quello di una rete Proof of Work, poiché i validatori non traggono vantaggio dall’utilizzo di maggiore potenza di calcolo.

Questo ci porta a una nuova argomentazione: chi vuole attaccare una rete Proof of Stake deve essere parte integrante della rete, il che incoraggia i validatori ad agire in buona fede nel proprio interesse e quindi in quello della rete.

Un esempio di criptovaluta che utilizza il protocollo Proof of Stake / PoS è Peercoin.

I limiti della Proof of Stake (PoS)

Sono pochi i difetti che possono essere riscontrati nella Proof of Stake e in genere dipendono da come viene implementato questo metodo di convalida. Questo metodo di convalida è impostato.

Per partecipare alla rete è spesso richiesto un importo minimo di staking, che può essere elevato. Questo dovrebbe essere il caso, ad esempio, della blockchain di Ethereum, con un minimo di 32 ETH per diventare un validatore (che sostituisce il minatore).

Autore

Vi siete persi nell'universo delle criptovalute? Benvenuti su Criptosociety, la piattaforma educativa dove divulghiamo le criptovalute e i Bitcoin per aiutarvi a scoprire questo universo decentralizzato attraverso varie presentazioni di progetti cripto, accompagnate da guide e tutorial.

Scrivere un commento

Please enter and activate your license key for Cryptocurrency Widgets PRO plugin for unrestricted and full access of all premium features.