Coinbase prevede di ridurre il 18% dei suoi dipendenti a causa delle condizioni del mercato delle criptovalute. 60 posti sono stati appena ridotti.

A giugno Coinbase ha dichiarato che la piattaforma stava licenziando circa 1.100 dipendenti, pari al 18% della sua forza lavoro, nell’ambito di un piano di riduzione dei costi, con oltre 60 posti appena ridotti.

Gli investitori sembrano aver apprezzato la mossa, dato che le azioni di Coinbase sono salite di quasi l’11% giovedì, dopo essere scese dell’80% dall’inizio dell’anno.

La borsa di criptovalute Coinbase licenzia il 18% del suo personale

Sebbene non sia così scioccante come la decisione di Meta di licenziare più di 11.000 dipendenti qualche giorno fa, l’ultima tornata di licenziamenti di Coinbase è un segno che la borsa potrebbe ancora cercare di tagliare i costi nell’attuale mercato ribassista.

Per il momento, Coinbase ha licenziato 60 dipendenti, secondo quanto annunciato dalla società giovedì.

In effetti, i licenziamenti elimineranno 1.100 dipendenti, lasciando l’azienda con circa 5.000 dipendenti, ha dichiarato Coinbase in un documento della Securities and Exchange Commission.

Il direttore generale Brian Armstrong ha dichiarato in precedenza che Coinbase aveva “speso troppo” e che aveva bisogno di ridurre la sua forza lavoro di conseguenza.

I “costi dei dipendenti di Coinbase sono troppo elevati per gestire efficacemente questo mercato incerto” e negli “ultimi mesi l’aggiunta di nuovi dipendenti ci ha reso meno efficienti, non di più“, ha scritto Armstrong.

A giugno, Coinbase ha anche bloccato il processo di assunzione e cancellato le offerte di lavoro già inviate ai candidati, alcuni dei quali hanno espresso la loro frustrazione online in quel momento.

Ma secondo un portavoce della società, “si tratta di azioni isolate e mirate da parte di due team per aiutare Coinbase a operare nel modo più efficiente possibile“.

Coinbase sembra essere in difficoltà in questo mercato orso.

Il suo fatturato trimestrale è sceso del 28% e i volumi di trading sono diminuiti del 27% nel terzo trimestre di quest’anno.

Le azioni di Coinbase sono scese di quasi l’80% quest’anno e del 27,4% solo questo mese.

Il mercato delle criptovalute e i licenziamenti a ondate

I licenziamenti di Coinbase sono avvenuti in un momento di crisi del mercato delle criptovalute che ha colpito bitcoin, ether e le criptovalute in generale.

Diverse altre società di criptovalute hanno annunciato importanti tagli al personale negli ultimi mesi. Coinbase ha più che quadruplicato il suo personale nell’ultimo anno e mezzo.

Siamo cresciuti troppo in fretta“, ha scritto Armstrong prima di aggiungere che “all’inizio del 2021 avevamo 1.250 dipendenti“.

All’epoca eravamo nelle prime fasi della corsa al rialzo e l’adozione delle criptovalute stava esplodendo”.

Il direttore generale ha scritto: “Sembra che stiamo entrando in una recessione dopo un boom economico di oltre 10 anni“, che “potrebbe portare a un altro inverno delle criptovalute e potrebbe durare per un periodo prolungato“.

Negli scorsi inverni crittografici, le entrate commerciali (la nostra principale fonte di reddito) sono diminuite in modo significativo”.

Aggiunge che hanno subito un notevole rallentamento a causa dei venti contrari di coordinamento e della difficoltà di integrare pienamente i nuovi membri del team.

Il direttore generale ritiene che le modifiche mirate alle risorse che sta apportando oggi consentiranno alla sua organizzazione di diventare più efficiente.

Autore

Vi siete persi nell'universo delle criptovalute? Benvenuti su Criptosociety, la piattaforma educativa dove divulghiamo le criptovalute e i Bitcoin per aiutarvi a scoprire questo universo decentralizzato attraverso varie presentazioni di progetti cripto, accompagnate da guide e tutorial.

Scrivere un commento