Un hard fork crea due blockchain coesistenti e ogni blockchain è governata dal proprio protocollo. Un soft fork è un aggiornamento compatibile all'indietro, il che significa che i proprietari dei nodi e i minatori sono liberi di applicare o meno le modifiche.

Ci sono molti dibattiti all’interno della blockchain. Alcuni di questi discussioni possono persino portare a cambiamenti nel modo in cui funziona una blockchain. Questa possibilità viene definita “fork “.

Questa nozione non va confusa con quella nota in informatica che designa la creazione di un nuovo software dal codice sorgente di un codice già esistente, come era noto in Crypto con la stagione Fork OHM.

Nel campo della blockchain, un soft fork o un hard fork sono caratterizzati da una modifica delle regole di consenso. Questo articolo vi permetterà di scoprire questa nozione in modo approfondito per capire la differenza tra un soft fork e un hard fork.

Come funzionano le hard fork e le soft fork?

L'interesse di queste fork

La decentralizzazione è un obiettivo delle criptovalute. Il desiderio di fare a meno di intermediari centralizzati per immagazzinare e scambiare valore è la sfida principale dei vari protocolli proposti.

Tutti i partecipanti alla rete seguono regole simili per garantire il decentramento. Queste regole sono denominate protocollo di consenso. Indipendentemente dal protocollo utilizzato, Proof of Work o Proof of Stake, ogni blockchain comunica informazioni in modo decentralizzato.

Queste regole di consenso consentono di attestare la validità delle transazioni e dei blocchi. Tuttavia, il coinvolgimento diretto degli utenti nel rispetto di queste regole sviluppa la possibilità di affrontare la blockchain con un soft-fork o, nel peggiore dei casi, un hard-fork quando si evolvono.

Che cos'è il soft fork?

La traduzione di soft-fork è ramificazione morbida. Questa nozione implica una continuità della blockchain dopo il suo aggiornamento.

Questa modifica deve essere retrocompatibile, cioè la sua applicazione non deve rendere obsoleta l’attività dei nodi che non sono ancora passati alla nuova versione. La transizione deve essere fluida per evitare la separazione interna.

Nel caso di Bitcoin, una soft-fork può avvenire tramite MASF (Miner-Activated Soft Fork) o UASF (User-Activated Soft Fork). La scelta tra queste due soluzioni è regolarmente oggetto di un lungo dibattito nella comunità Bitcoin.

Bitcoin e Soft Forks

I contratti intelligenti (smart contracts) sono apparsi su Bitcoin grazie a un soft fork. A questo scopo, il tipo di indirizzo P2SH (BIP16) è stato integrato nella rete per facilitarne l’implementazione. Per realizzare questa nuova versione è stato utilizzato un MASF e il passaggio è stato completato con successo il 1° aprile 2012.

Questi contratti intelligenti hanno visto aumentare la loro efficienza e sicurezza grazie alla soft-fork Taproot. L’aggiornamento di Taproot consente di modificare il protocollo di firma con l’obiettivo di migliorare la sicurezza e la complessità dei smart contracts.

Che cos'è un hard fork?

A differenza del soft-fork, l’hard-fork è una forchetta dura. La modifica delle regole di consenso è incompatibile con la vecchia catena, per cui si ottiene un’inevitabile divisione della blockchain. 

Questa incompatibilità tra le nuove regole e le vecchie dà origine a diversi problemi, in particolare per quanto riguarda la legittimità della rete che deve continuare. Si possono quindi verificare due scenari. O l’aggiornamento delle regole è generalmente accettato o si verifica una controversia tra i membri della rete.

Se l’aggiornamento avviene senza problemi, il vecchio canale perderà quasi tutti i suoi utenti. In effetti, non esisterà più. D’altra parte, se l’aggiornamento crea una controversia, il disaccordo dividerà la blockchain in due parti, a seconda di quale parte scelgono gli utenti.

Ethereum e le hard fork

Ethereum ha una lunga storia di hard fork. Che siano generalmente accettate o controverse, queste forche caudine alimentano la sua storia.

Nell’estate del 2021, l’hard fork di London è stato implementato con successo sulla blockchain di Ethereum. Questo hard fork, accettato a livello globale, rappresenta un cambiamento storico in quanto consente al sistema di commissioni di evolversi. D’ora in poi, una parte delle tasse andrà ancora ai minatori, ma un’altra parte sarà bruciata. Questa modifica mira a rendere la valuta deflazionistica distruggendo parte dell’offerta totale di Ethereum.

Nel 2016, Ethereum ha subito un grave hack. Una falla nel progetto The DAO è stata sfruttata dagli hacker consentendo loro di rubare 50 milioni di dollari agli utenti. A seguito di questa spiacevole situazione, si sono levate molte voci per operare un hard fork per compensare la comunità. L’hard fork è stato deciso dalla maggioranza e ha avuto luogo.

Tuttavia, poiché alcune persone erano contrarie a questo hard fork, sia per motivi filosofici che tecnici, la vecchia blockchain ha continuato a esistere. Pertanto, la blockchain è stata divisa in Ethereum (nuovo) e Ethereum Classic (vecchio).

Conclusione

La robustezza e l’immutabilità della blockchain non devono far scomparire i principi insiti nell’evoluzione della società. I soft e hard fork sono soluzioni per superare problemi tecnici, economici o sociali che possono sorgere su una blockchain.

Gli aggiornamenti mirano a garantire che la volontà degli utenti sia sempre rispettata nel consenso.

L’effetto rete è essenziale per il corretto funzionamento di una blockchain. In caso di hard fork, possono sorgere controversie e causare danni duraturi alla minoranza contraria al cambiamento.
Autore

Cofondatore di Criptosociety, sono appassionato di Bitcoin da diversi anni. Il mio obiettivo è quello di lavorare per la democratizzazione del Bitcoin, della Blockchain e delle criptovalute per rendere questo universo selvaggio accessibile al maggior numero di persone possibile. Mi piace condividere la mia esperienza e sono sempre disponibile a rispondere alle vostre domande, sia per e-mail, nei commenti o sui social network.

Scrivere un commento