Indice del contenuto

Che cosa è Ethereum?

Ethereum è una piattaforma basata su blockchain che permette agli sviluppatori di costruire e distribuire applicazioni decentralizzate o DApps. Mentre il ruolo principale di Bitcoin è quello di trasferire valuta virtuale, il ruolo principale di Ethereum è quello di eseguire il programma di qualsiasi applicazione decentralizzata. Invece di investire in server, gli sviluppatori metteranno l’applicazione sulla rete Ethereum.

L’unità di conto, la moneta di Ethereum è l’etere, che ha l’acronimo ETH e il simbolo Ξ. L’etere ha due funzioni:

Paga i validatori (minatori) che garantiscono la validità della blockchain;

  1. Viene utilizzato per pagare le tasse per
  2. l’utilizzo delle DApps.

La blockchain di Ethereum è attualmente protetta da Proof-of-Work (i minatori usano la potenza di calcolo per proteggere la rete) ma questa sicurezza dovrebbe evolvere verso Proof-of-Stake con la transizione a Ethereum2.0.

Molti progetti sono stati costruiti su questa rete decentralizzata, compresi i progetti relativi alla finanza decentralizzata (DeFi) che permettono a chiunque di prestare o prendere in prestito criptovalute.

Come è nato Ethereum?

Ethereum è stato creato da Vitalik Buterin, un giovane russo-canadese che voleva generalizzare l’aspetto programmabile di Bitcoin. Infatti, anche se Bitcoin permette una serie di operazioni più o meno complesse (multisignature, canali di pagamento, scambi atomici, token, ecc.), è tuttavia troppo limitato in termini di flessibilità e scalabilità. Ethereum rappresenta un’evoluzione di Bitcoin che dovrebbe migliorare le sue funzioni contrattuali, a volte a spese della sua decentralizzazione e stabilità a breve termine.

L’idea di base di Ethereum è stata concepita da Vitalik Buterin alla fine del 2013, e una prima versione del libro bianco è stata distribuita nel mese di dicembre a un certo numero di importanti attori dell’ecosistema delle criptovalute. Il progetto è stato ufficialmente co-fondato nel gennaio 2014 da 8 persone: Vitalik Buterin, Anthony Di Iorio, Charles Hoskinson, Mihai Alisie, Amir Chetrit, Joseph Lubin, Gavin Hood e Jeffrey Wilcke.

Nel luglio 2014, l’offerta iniziale di monete di Ethereum ha avuto luogo sulla blockchain di Bitcoin. Più di 60 milioni di etere sono stati pre-venduti, raccogliendo 31.529 bitcoin, o più di 15 milioni di dollari al momento dell’ICO. Sono stati creati anche 12 milioni di eteri per finanziare il pre e post sviluppo del progetto.

Dopo più di un anno di sviluppo, il lancio ha avuto luogo il 30 luglio 2015. Il resto degli eteri è stato estratto negli anni successivi. Oggi (aprile 2020), vengono creati circa 5 milioni di eteri all’anno, e la quantità totale di monete in circolazione è di 110,5 milioni.

Ethereum, una piattaforma di contratti intelligenti

Il ruolo principale di questa piattaforma è quello di eseguire i cosiddetti contratti intelligenti, noti anche come contratti “intelligenti” o contratti autonomi.

Un contratto intelligente è semplicemente un programma per computer che non richiede una terza parte fidata per essere eseguito. Nel contesto della blockchain, è un programma che può eseguire transazioni quando certe condizioni sono soddisfatte sul registro.

Anche se questo tipo di contratto può essere implementato in modo rudimentale su Bitcoin, Ethereum è la prima piattaforma focalizzata su questo uso. La piattaforma riunisce una moltitudine di contratti autonomi, che vengono eseguiti sulla blockchain e che costituiscono la base di molte applicazioni decentralizzate (DApps).

Per saperne di più sui contratti intelligenti, puoi leggere il nostro articolo sull’argomento: Cos’è un contratto intelligente?

La macchina virtuale Ethereum (EVM)

Come accennato, Ethereum mira ad essere un computer globale decentralizzato. Per ottenere questo, utilizza una macchina virtuale (la Ethereum Virtual Machine o EVM) che gira simultaneamente su ciascuno dei nodi della rete. Questa macchina virtuale modifica lo stato globale del sistema (costituito da conti Ethereum, i loro saldi, i dati memorizzati e il codice) in base alle azioni degli utenti e l’esecuzione di contratti intelligenti. I cambiamenti sono replicati su ciascuno dei computer della rete nel consenso, da qui il termine macchina “virtuale”: non esiste realmente ma è una comoda astrazione per rappresentare ciò che Ethereum è.

La macchina virtuale di Ethereum ha un proprio linguaggio composto da molte istruzioni, ognuna con un effetto diverso sul sistema. Questo linguaggio, chiamato bytecode, si ottiene di solito compilando un altro linguaggio di programmazione contrattuale più accessibile. Così, su questa rete, i contratti intelligenti sono di solito scritti in Solidity.

Gettoni / tokens ERC-20

È possibile creare la propria valuta programmabile sulla rete Ethereum senza alcuna particolare conoscenza della tecnologia blockchain. La moneta creata è gestita da uno smart contract che il più delle volte segue lo standard ERC-20: per questo si chiama token ERC-20. Poiché questi token vivono sulla stessa piattaforma, passano attraverso gli stessi indirizzi degli ether (ETH) ed è quindi possibile mantenere i tuoi token sullo stesso indirizzo / lo stesso portafoglio Ethereum (a differenza di altre criptovalute che richiedono ciascuno un portafoglio diverso). Si noti inoltre che è necessario un minimo di ETH sul portafoglio per inviare token ERC-20 a un altro indirizzo: l’ether viene utilizzato per pagare le commissioni di transazione.

È anche attraverso questi token che viene effettuata la raccolta di fondi Initial Coin Offering (ICO).

Una lista completa di tutti questi gettoni in circolazione può essere trovata su siti come Coingecko.

Gettoni non fungibili (NFT)

Un altro tipo di token è accessibile sulla blockchain di Ethereum: i token non fungibili, spesso abbreviati come NFT. A differenza del token ERC-20, che forma un’unità di conto (si possono possedere 3,6468 token, inviare 2,1936 token, ecc.), il token non fungibile è un oggetto unico e identificabile che non può essere diviso o mescolato con altri token. I token non fungibili seguono più spesso lo standard ERC-721.

L’uso dei token non fungibili può variare dal rappresentare un pezzo di terra virtuale (Decentraland), ai giochi di carte commerciali (Gods Unchained), all’allevamento di gatti virtuali (CryptoKitties) e alla tokenizzazione di beni immobili (RealT).

Come funzionano le tasse: il sistema del gas

Come detto, le commissioni per il trading su Ethereum sono sempre pagate in etere (ETH). Tuttavia, la complessità della piattaforma rende necessario un sistema di calcolo intermedio che coinvolge quello che viene chiamato gas.

Pensate al gas come alla benzina per la vostra auto: ogni transazione sulla rete consuma gas per eseguire una serie di operazioni, proprio come la vostra auto consuma gas per muoversi. Queste operazioni includono trasferimenti di etere, trasferimenti di token ERC-20, ma anche operazioni semplici come addizione, moltiplicazione, ecc. Possono essere avviati dagli utenti o dagli stessi contratti intelligenti.

Si noti che il gas è un’unità completamente virtuale che serve da intermediario e che non si può tenere: si pagano le tasse in etere e i validatori ottengono anche ETH. Quando fate una transazione, dovete quindi indicare come volete convertire i vostri eteri per pagare le tasse. Ci sono due parametri che possono essere modificati: il limite del gas e il prezzo del gas.

Il limite dei GAS (gas limit)

È possibile regolare la quantità massima di gas da utilizzare in una transazione: questo è chiamato il limite di gas. Questo limite dirà al sistema quanto gas può consumare la vostra transazione. Per un trasferimento di eteri da un conto all’altro (transazione classica), non c’è bisogno di modificare questo parametro poiché questo trasferimento consuma sempre 21.000 gas. Tuttavia, nel caso di un’interazione con un contratto, è necessario stimare la quantità potenziale di gas consumato.

Ci sono tre scenari possibili:

  1. Nel caso in cui si imposti il limite troppo basso, la transazione finirà il gas per eseguire tutte le transazioni. Perderai quindi l’importo di ETH utilizzato per le tasse, la tua transazione sarà annullata, il che significa che le tasse inviate non saranno addebitate sul tuo conto.
  2. Se si imposta un limite di gas che corrisponde esattamente al consumo effettivo (come nel caso di una classica transazione wallet-to-wallet), la transazione sarà convalidata e aggiunta alla blockchain.
  3. Infine, se hai impostato il tuo limite di gas troppo alto, la tua transazione sarà anche confermata e l’importo in eccesso non consumato sarà rimborsato. È quindi consigliabile sovrastimare questo consumo se non è possibile determinarlo con certezza in anticipo.

 

Anche se questo non è necessariamente un problema molto serio, non specificate un limite di gas irragionevolmente grande. Un limite di gas troppo alto potrebbe interrompere il calcolo economico dei minatori e rallentare il tempo di elaborazione della tua transazione.

 

Il prezzo del gas (gas price)

Per garantire la decentralizzazione del sistema, ogni blocco di Ethereum è gas-limitato: la quantità di gas consumata dalle transazioni che contiene deve essere inferiore a una certa soglia. Ecco perché il gas non è disponibile in abbondanza e quindi ha un prezzo determinato dal mercato.

Il prezzo del gas è generalmente espresso in gigaweis o Gwei. Il wei, dal nome del cypherpunk Wei Dai, è la più piccola unità della piattaforma Ethereum e corrisponde a un attoether o 10-18 ETH. Un Gwei rappresenta quindi un miliardesimo di etere:

Combinato con la quantità di gas consumato, il prezzo del gas è usato per determinare la tassa pagata per la transazione. La formula è :

Per una transazione tipica (21.000 gas consumati) e un prezzo del gas di 3 Gwei, la tassa sarà di 0,000063 ETH, o 1 centesimo di euro al prezzo attuale (aprile 2020).

Il prezzo del gas è usato per determinare la priorità delle transazioni: i minatori favoriranno le transazioni con un alto prezzo del gas rispetto a quelle con un basso prezzo del gas. Se la rete è molto utilizzata, il prezzo del gas da quotare per una transazione da confermare rapidamente tenderà ad aumentare.

L'evoluzione di Ethereum

Contrariamente a Bitcoin, la cui comunità è molto conservatrice, soprattutto in termini di politica monetaria, Ethereum è molto più progressista e cerca di evolversi rapidamente, anche se ciò significa a volte trascurare la propria stabilità. Dalla sua creazione, la piattaforma è stata aggiornata molte volte! Ecco la lista delle modifiche del protocollo Ethereum, ognuna con un nome in codice originale:

Anche se Ethereum è stato aggiornato molto negli ultimi anni, la sua evoluzione è lungi di essere finita e sono già previsti altri cambiamenti. Molti sviluppatori e ricercatori stanno lavorando duramente per garantire che questa evoluzione avvenga senza problemi. Il prossimo grande aggiornamento pianificato dal team di sviluppo, chiamato Serenity o Ethereum 2.0, include tre importanti cambiamenti:

  • Il passaggio alla proof-of-stake con Casper.
  • Implementare lo sharding per aumentare la scalabilità della piattaforma.
  • Migliorare la macchina virtuale con eWASM.

Oltre allo sharding, altri cosiddetti progetti di secondo livello sono stati sviluppati per aiutare Ethereum a scalare: Plasma e la rete Raiden sono due esempi di soluzioni a medio termine.

Ethereum Classic (ETC): l'Ethereum originale

Avrete notato l’esistenza di Ethereum Classic (ETC). Non confonderlo con Ethereum (ETH), non sono la stessa cosa. Nel giugno 2016, un fondo di investimento in criptovaluta chiamato TheDAO è stato violato e quasi 50 milioni di dollari di Ether sono stati sottratti. Non è stata violata la blockchain di Ethereum, ma solo il fondo di investimento. Al fine di restituire questi eteri ai loro proprietari, è stato deciso di effettuare un hard fork. Tuttavia, una parte della comunità non era d’accordo con il principio e ha preferito continuare a minare la vecchia catena Ethereum (la catena originale) che ora è diventata Ethereum Classic. Ethereum (ETH) è ancora sostenuto dal suo fondatore (Vitalik Buterin) e dalla Fondazione Ethereum, mentre Ethereum Classic (ETC) appartiene ora ad un’altra comunità (Ethereum Commonwealth).

I vantaggi di Ethereum

  • Una rete trasparente, sicura e affidabile.
  • Nessuno può cambiare uno smart contract una volta che è online sulla rete.
  • Più sicuro di un formato tradizionale di contratto intelligente.
  • Nessun tempo di inattività perché la rete Ethereum è attiva 24 ore al giorno.

Limiti di Ethereum

  • Le DApps (applicazioni decentralizzate) dipendono dalla scalabilità della blockchain di Ethereum, che non è perfetta. Per esempio, la rete è stata notevolmente rallentata durante la mania dei cryptokitties nel dicembre 2017.
  • Non si può cambiare un contratto intelligente che contiene un bug o un difetto.
  • La politica monetaria non è così ben definita come in Bitcoin.
Autore

Vi siete persi nell'universo delle criptovalute? Benvenuti su Criptosociety, la piattaforma educativa dove divulghiamo le criptovalute e i Bitcoin per aiutarvi a scoprire questo universo decentralizzato attraverso varie presentazioni di progetti cripto, accompagnate da guide e tutorial.

Scrivere un commento

Please enter and activate your license key for Cryptocurrency Widgets PRO plugin for unrestricted and full access of all premium features.