Verifica dell'identità, livelli da superare, regolamentazione, massimali per i trasferimenti di criptovalute, il KYC è ormai parte integrante del mondo delle criptovalute. Scopriamo cosa significa, quanto è utile e quali sono i suoi limiti.

Che cosa si intende per KYC?

Know Your Customer è un acronimo utilizzato per la verifica dell’identità. Nel mondo delle criptovalute, diverse entità possono richiedere il KYC. Le piattaforme di scambio sono generalmente soggette a normative che impongono loro di conoscere l’identità dei propri clienti.

Quando ci si registra su un exchange come Binance o FTX, è possibile che venga chiesto di convalidare un passaggio KYC. A volte questo passaggio non è necessario per creare un conto, ma lo diventa quando si vuole depositare o prelevare criptovalute.

Alcune piattaforme utilizzano un sistema di livelli di verifica: più alto è il livello, maggiori sono le opportunità. Ad esempio, possono essere previsti limiti di trasferimento o di deposito per i clienti con un basso livello di verifica.

KYC sulla piattaforma di scambio di Binance
KYC sulla piattaforma di scambio di Binance

Come viene effettuato il KYC?

Durante un KYC, di solito dovrete verificare la vostra identità direttamente dalla vostra postazione, cioè a distanza. Sarà necessario fornire una copia del documento d’identità e la piattaforma potrebbe chiedere di attivare la modalità foto del dispositivo elettronico in uso (telefono o computer) per garantire che la foto venga scattata al momento. Per verificare che l’ID sia vostro, potrebbe esservi chiesto di scattare un cosiddetto selfie (una foto di voi stessi), sempre dal vivo.

Ma alcune piattaforme si spingono oltre per combattere la contraffazione e chiedono di filmarsi mentre si recitano le parole o di fotografarsi con in mano la carta d’identità, un pezzo di carta con un codice scritto sopra o altri mezzi.

Potrebbero essere richiesti l’indirizzo postale e la prova dell’indirizzo. In alcuni casi, inoltre, è possibile verificare l’origine dei fondi impiegati sulla piattaforma per ottenere il massimo livello di verifica.

Qual è lo scopo del KYC?

Il KYC garantisce la probità e l’integrità di ogni cliente che desidera acquistare e utilizzare criptovalute. Infatti, sebbene la blockchain sia accessibile e soprattutto visibile a tutti, alcuni malintenzionati pensano di poter sfruttare l’anonimato delle criptovalute per condurre attività illegali come il riciclaggio di denaro.

Il KYC aiuta anche a limitare i metodi di corruzione e il finanziamento del terrorismo. Oggi, la stragrande maggioranza delle piattaforme centralizzate di scambio di criptovalute richiede la verifica dell’identità al momento della registrazione.

Il KYC è richiesto ovunque in criptovalute?

L’uso di browser wallet o di piattaforme e applicazioni decentralizzate non richiede, per definizione, alcuna verifica. Questo può essere visto come un vantaggio o uno svantaggio del decentramento. I sistemi di regolamentazione non possono affrontare piattaforme e applicazioni decentralizzate ed è quindi impossibile obbligarle a implementare la verifica dell’identità.

Autore

Vi siete persi nell'universo delle criptovalute? Benvenuti su Criptosociety, la piattaforma educativa dove divulghiamo le criptovalute e i Bitcoin per aiutarvi a scoprire questo universo decentralizzato attraverso varie presentazioni di progetti cripto, accompagnate da guide e tutorial.

Scrivere un commento

Please enter and activate your license key for Cryptocurrency Widgets PRO plugin for unrestricted and full access of all premium features.