L’inflazione è definita come una perdita di potere d’acquisto, in particolare del potere d’acquisto di una valuta: un’unità della stessa valuta può acquistare sempre meno beni e servizi.
In termini semplici, l’inflazione è espressa come un aumento generale dei prezzi in un determinato periodo. Si misura quindi come tasso.

Ma in realtà è più complicato di così.

L’inflazione viene calcolata attraverso la variazione dei prezzi di molti beni e servizi, ad alcuni dei quali viene data maggiore importanza. Il costo medio della vita per un consumatore è misurato dalle autorità attraverso un’indagine sulle famiglie. Questa indagine permette di identificare un ” paniere di articoli comuni” di cui si studierà l’evoluzione del costo nel tempo.

Il tasso di inflazione è relativo ai prezzi?

L’inflazione mira a determinare la variazione del potere d’acquisto o “reddito reale” delle famiglie, ma la distribuzione del paniere di articoli non può corrispondere all’intera popolazione allo stesso modo.

Anche se il peso delle materie prime comuni nel paniere viene spesso modificato , le disuguaglianze impediscono di stabilire un paniere veramente rappresentativo.

Nel 2021, ad esempio, il peso del cibo e dell’abitazione nel paniere dei consumi è fissato rispettivamente al 15,8% e al 15,3%. Per un’ampia percentuale di famiglie, il costo dell’affitto rappresenta ben oltre il 20% della spesa.

Da dove viene l'inflazione e perché sta aumentando?

Non è ovvio quale sia la ragione dell’inflazione, che può essere la conseguenza di diversi effetti:

  • Quando l’offerta non riesce a tenere il passo con la domanda per un lungo periodo di tempo, il logico aumento dei prezzi può essere considerato inflazione.
  • Quando i costi di produzione aumentano, si può osservare un passaggio sul reddito familiare. Le imprese aumentano i prezzi dei beni prodotti e le famiglie modificano il loro comportamento in previsione di futuri aumenti dei prezzi.
  • Quando l’offerta di moneta aumenta troppo, si genera inflazione. La quantità di una moneta in circolazione aumenta troppo rapidamente: ogni unità di questa moneta perde quindi il suo valore più o meno rapidamente.

Poiché l’inflazione a piccole dosi è generalmente considerata benefica, la Banca Centrale Europea, il cui mandato è quello di prevenire un calo dei prezzi, mira a un tasso di inflazione del 2%.

Molti economisti e investitori tendono a credere che i tassi di inflazione annunciati siano sbagliati e che i tassi di inflazione reali siano molto più alti, riducendo notevolmente il valore della valuta.

Che impatto ha il tasso di inflazione sui miei consumi?

Per calcolare l’impatto dell’inflazione sul vostro potere d’acquisto, è necessario prendere in considerazione la variazione del vostro reddito. se volete calcolare l’impatto dell’inflazione sui vostri risparmi, sono disponibili strumenti che vi aiutano a combattere l’inflazione con una strategia Bitcoin DCA .

Autore

Vi siete persi nell'universo delle criptovalute? Benvenuti su Criptosociety, la piattaforma educativa dove divulghiamo le criptovalute e i Bitcoin per aiutarvi a scoprire questo universo decentralizzato attraverso varie presentazioni di progetti cripto, accompagnate da guide e tutorial.

Scrivere un commento

Please enter and activate your license key for Cryptocurrency Widgets PRO plugin for unrestricted and full access of all premium features.