Gli ex minatori della blockchain di Ethereum stanno vendendo una parte degli ETH accumulati durante la loro attività di mining.

Mentre gli osservatori di criptovalute più ottimisti speravano in una ripresa del trend rialzista del mercato dopo il Merge, la mancanza di un rimbalzo inizia a preoccupare tutti gli investitori. Pertanto, la vendita massiccia di ETH accumulati dai minatori sembra essere un segno che la speranza sembra essere definitivamente vana.

Un rapido sguardo al mercato suggerisce una situazione molto pessimistica a medio termine. In effetti, nel giro di pochi giorni, il Bitcoin non è riuscito a mantenere la soglia dei 20.000 dollari, crollando a 18.500 dollari.

Senza grandi differenze, Ethereum sta lottando per mantenere una curva positiva, dato che il suo prezzo è sceso da 1.700 dollari prima della fusione a 1.300 dollari al momento della scrittura.

L’analisi dei dati sulla rete suggerisce che questo calo è in parte legato alla decisione dei minatori di sbarazzarsi di alcuni degli ETH accumulati contribuendo alla sicurezza della rete quando la blockchain di Ethereum era ancora in fase di Proof of Work.

I minatori vendono una parte dei loro ETH

Secondo i dati raccolti da OKLink, un’azienda che si occupa di blockchain e analisi dei dati, i minatori stanno attualmente sgonfiando parte del loro portafoglio.

In effetti, nel grafico sottostante è possibile vedere due diverse curve che rappresentano sia il prezzo dell’ETH che il saldo in ETH dei portafogli dei minatori.

Di conseguenza, possiamo notare un forte calo della quantità di ETH nei portafogli dei minatori. Mentre il 12 settembre i minatori avevano un totale di 259.804,87 ETH, il 17 settembre avevano solo 243.063,02 ETH.

Questa situazione è tanto più problematica in quanto i minatori di ETH possiedono ancora oltre 200.000 ETH. Le future decisioni dei minatori potrebbero influenzare fortemente il prezzo dell’ETH verso l’alto o verso il basso, poiché i portafogli dei minatori rappresentano complessivamente centinaia di milioni di dollari in ETH.

Calo di interesse per la blockchain Ethereum?

Questa situazione solleva diversi interrogativi sull’interesse dei minatori per la blockchain di Ethereum. 

Sebbene sia prematuro affermare che i minatori abbiano perso interesse per la rete Ethereum, dal momento che possiedono ancora più di 200.000 ETH, è possibile interrogarsi sulle motivazioni che hanno spinto alcuni minatori a separarsi dai loro ETH. In realtà, sembrano emergere due ragioni principali.
 
La prima ragione è certamente di natura finanziaria. In effetti, i minatori hanno perso la principale fonte di remunerazione per la loro attività quando è avvenuto il passaggio alla Proof of stake. In realtà, queste vendite potrebbero essere semplicemente legate al desiderio di alcuni minatori di prendere profitto mentre preparano la loro prossima strategia.
 
La seconda ragione potrebbe essere ideologica, poiché molti minatori ritengono che la nuova modalità di consenso non si adatta alla loro idea di decentralizzazione della blockchain. Pertanto, alcuni minatori potrebbero semplicemente separarsi dai loro ETH per insoddisfazione nei confronti della direzione che Ethereum sta prendendo.
 

In questa fase, qualsiasi conclusione sarebbe certamente troppo affrettata. Tuttavia, la situazione merita di essere monitorata attentamente per evitare di essere sorpresi sul mercato da un enorme sell-off di ETH nelle prossime settimane.

Autore

Vi siete persi nell'universo delle criptovalute? Benvenuti su Criptosociety, la piattaforma educativa dove divulghiamo le criptovalute e i Bitcoin per aiutarvi a scoprire questo universo decentralizzato attraverso varie presentazioni di progetti cripto, accompagnate da guide e tutorial.

Scrivere un commento

Please enter and activate your license key for Cryptocurrency Widgets PRO plugin for unrestricted and full access of all premium features.