Dopo essere stato completamente fuori dai radar per quasi 3 giorni, Do Kwon sta finalmente uscendo allo scoperto per fare il punto della situazione e trovare una soluzione. Dichiarandosi "affranto", propone di consegnare le redini dell'ecosistema agli sviluppatori e alla comunità attraverso il fork della blockchain Terra. Ciò comporterebbe l'emissione di un nuovo token da ridistribuire ai titolari di LUNA e UST.

Un intervento più atteso da parte di Do Kwon

Molti lo stavano aspettando. Dall’inizio della lunga agonia di UST e poi di LUNA, che si sono progressivamente trascinate in una spirale negativa, la comunità di Terra ha atteso una parola da Do Kwon, il fondatore della blockchain.

In effetti, dopo che il 9 maggio l’UST ha iniziato a depeg (perdere il suo valore principale di 1 dollaro), Do Kwon è intervenuto solo il 10 e l’11 maggio, prima per cercare di calmare il panico imperante, poi per annunciare una prima soluzione.

“Siamo vicini all’annuncio di un piano di recupero per $UST. Tenetevi forte” ha twittato nel pomeriggio del 10 maggio, quando l’UST era sceso di 10 centesimi a 0,90 dollari, una situazione che ancora oggi sembra leggera. All’epoca il LUNA era ancora vicino ai 30 dollari.

Il giorno successivo, nelle prime ore dell’11 maggio, è stato inviato un nuovo messaggio per rassicurare la comunità: “Ci stiamo avvicinando… Rimanete forti, Lunatici. [Rimanete forti, lunatici”. Più tardi, lo stesso giorno, ha fatto un lungo filo per riferire sulla situazione e per annunciare la possibile collateralizzazione degli UST.

Poi, Do Kwon è rimasto completamente fuori dai radar per quasi tre giorni, una lunga attesa per chi ha resistito – seguendo il suo consiglio – chiedendosi in ogni momento se l’UST sarebbe risorto.

Questa mattina è finalmente tornato a parlare, annunciando di avere il “cuore spezzato” e di non aver tratto alcun vantaggio finanziario dalla situazione.

Stato e futuro di Terra

L’uscita di Do Kwon è ora un po’ più pessimista e probabilmente più adeguata alla realtà degli eventi. Al momento in cui scriviamo, l’UST è sceso a 0,14 dollari e il LUNA è un disastroso 0,00018 dollari, che sembra irreale rispetto al suo ATH (massimo) di 120 dollari all’inizio di aprile.

"Continuo a credere che le economie decentralizzate meritino una valuta decentralizzata - ma è chiaro che l'UST nella sua forma attuale non sarà quella valuta. Né io né le istituzioni a cui sono affiliato abbiamo tratto profitto in alcun modo da questo incidente. Non ho venduto né LUNA né UST durante la crisi".

Do Kwon

Ha anche annunciato che le squadre di Terra avrebbero presto sviluppato il modo in cui la scorta di miliardi di dollari di Terra è stata utilizzata per garantire il peg dell’UST:

"Stiamo attualmente lavorando per documentare l'uso delle riserve di Bitcoin (BTC) della Luna Foundation Guard (LFG) durante la fase di depeg. Vi preghiamo di essere pazienti con noi mentre i nostri team si destreggiano tra più compiti contemporaneamente".

Do Kwon

Di fronte al disastro, ha proposto una soluzione su Agora, il forum di Terra dedicato alla sua evoluzione, per cercare di salvare ciò che restava dell’ecosistema, o almeno la sua struttura fondamentale.

"Quello che dovremmo cercare di preservare ora è la comunità e gli sviluppatori che danno valore al blockspace di Terra - sono fiducioso che la nostra comunità formerà un consenso intorno al miglior percorso da seguire per se stessa, e troverà un modo per risorgere".

Do Kwon

Le soluzioni previste per ora

La proposta di Do Kwon, chiamata “Terra Ecosystem Recovery Plan”, si concentra sulla conservazione della comunità, che comprende sviluppatori e utenti.

"Abbiamo costruito uno dei più grandi e dinamici ecosistemi di sviluppatori nello spazio delle criptovalute, con alcune delle menti più intelligenti del mondo che lavorano a prodotti con la migliore UI/UX. Terra Station ha un'ampia base di installazione, con oltre un milione di utenti in tutto il mondo".

Do Kwon

Pertanto, la soluzione migliore secondo il fondatore sarebbe quella di effettuare un fork della blockchain per ridistribuire la governance della rete attraverso un miliardo di nuovi token distribuiti tra :

  • 40 % : I titolari di LUNA prima dell’inizio del depeg;
  • 40 % : I detentori di UST per proroga;
  • 10 % : I titolari di LUNA prima che la blockchain si fermi;
  • 10%: fondi dedicati allo sviluppo futuro dell’ecosistema.
 

In questo modo, Do Kwon vuole favorire la parte della comunità che ha sempre sostenuto l’ecosistema attraverso i token LUNA, premiando al contempo coloro che hanno acquistato LUNA durante il periodo di crisi.

In conclusione, sebbene la situazione sia già drammatica per molti dal punto di vista finanziario, le fondamenta di Terra potrebbero non essere abbandonate. Da continuare.

Autore

Cofondatore di Criptosociety, sono appassionato di Bitcoin da diversi anni. Il mio obiettivo è quello di lavorare per la democratizzazione del Bitcoin, della Blockchain e delle criptovalute per rendere questo universo selvaggio accessibile al maggior numero di persone possibile. Mi piace condividere la mia esperienza e sono sempre disponibile a rispondere alle vostre domande, sia per e-mail, nei commenti o sui social network.

Scrivere un commento

Please enter and activate your license key for Cryptocurrency Widgets PRO plugin for unrestricted and full access of all premium features.