In una recente controversia, la SEC sostiene che l'intera rete Ethereum rientra nella regolamentazione statunitense.

Il futuro di Ethereum è in dubbio da quando è avvenuta The Merge. In effetti, alcuni osservatori ritengono che la SEC potrebbe considerare l’ETH come un token di sicurezza a causa del passaggio alla proof of stake. questo timore non è l’unico rischio che la blockchain deve affrontare, poiché in una recente controversia, la SEC avrebbe affermato che l’intera rete Ethereum ricade sotto la sua giurisdizione.

La Securities and Exchange Commission (SEC) interviene regolarmente nel settore della blockchain e delle criptovalute per orientare la dottrina legale americana. Il caso più famoso che coinvolge questa istituzione è ovviamente la sua battaglia legale con la società Ripple, emittente della criptovaluta XRP.

Pertanto, ogni intervento dell’istituzione viene esaminato dalla comunità per cercare di anticipare i principali cambiamenti che si verificheranno, in modo da potersi adattare ad essi in modo più efficace.

Una controversia tra la SEC e un influencer di criptovalute

Questa preoccupazione deriva semplicemente da una controversia tra la SEC e l’influencer Ian Balina. Quest’ultimo è accusato dagli agenti dell’istituto di aver offerto titoli finanziari non registrati. Infatti, avrebbe realizzato una ICO (Initial Coin Offering) nel 2018 senza aver ottenuto l’autorizzazione della SEC per realizzarla.

Finora l’indagine sembra legittima, poiché una raccolta di fondi di questo tipo richiede necessariamente il rispetto di condizioni rigorose. Tuttavia, il problema fondamentale nello sviluppo di questa controversia risiede nelle argomentazioni prodotte dalla SEC per giustificare l’opportunità di perseguire Ian Balina sulla base delle normative statunitensi.

In effetti, al paragrafo 69 della sua argomentazione, la SEC spiega “che gli investitori con sede negli Stati Uniti nell’ICO Balina si sono impegnati irrevocabilmente nella transazione quando, dagli Stati Uniti, hanno inviato il loro contributo in ETH“.

La SEC aggiunge che “all’epoca i loro contributi in ETH erano convalidati da una rete di nodi sulla blockchain di Ethereum, che sono più densamente raggruppati negli Stati Uniti che in qualsiasi altro Paese“. Pertanto, queste transazioni hanno avuto luogo negli Stati Uniti.

La SEC ritiene che la rete Ethereum rientra nella regolamentazione statunitense

Da questo paragrafo, la rete Ethereum potrebbe rientrare nella regolamentazione statunitense. In realtà, a lungo termine, esiste una grave minaccia per la blockchain di Ethereum.

In realtà, questo paragrafo appare soprattutto come un eccesso di zelo senza un vero impatto. Infatti, l’extraterritorialità della legge non coinvolge solo lo Stato che la attua, ma tutti i Paesi direttamente interessati dalla sua applicazione.

Pertanto, una simile applicazione della legge sulla rete Ethereum non farebbe altro che provocare conflitti politico-giuridici su larga scala, poiché l’auto-riconoscimento della SEC non si applica ad altri Paesi del mondo.

Se questa frase è solo uno sparo nel buio, allora perché viene tirata fuori con tanta crudeltà dall’istituzione?

L’argomentazione della SEC sembra concentrarsi sul fatto che gli utenti e i validatori della rete Ethereum negli Stati Uniti possono essere perseguiti per la loro partecipazione alla rete se, e solo se, ciò avviene dagli Stati Uniti.

D’altra parte, questa frase non significa certo che ogni utente o validatore della blockchain di Ethereum diventi dipendente dalle normative statunitensi semplicemente per la sua presenza sulla rete.

Quali sono le conseguenze per la blockchain di Ethereum?

Se la SEC vuole davvero che l’intera rete Ethereum sia sotto la sua giurisdizione, la decentralizzazione della blockchain ne risentirebbe inevitabilmente e la censura delle transazioni potrebbe diventare una realtà.

Nel bel mezzo della vicenda Tornado Cash, Vitalik, il creatore di Ethereum, ha spiegato che in caso di richiesta di censura della rete da parte delle autorità di regolamentazione, i validatori non saranno tenuti ad adeguarsi. Peggio ancora, se alcuni validatori decidono di farlo, Vitalik vuole che gli ETH accatastati da loro vengano bruciati dopo una votazione della comunità.

In ogni caso, l’evoluzione di questo caso dovrebbe essere seguita da vicino perché potrebbe portare a profondi cambiamenti nel funzionamento della blockchain di Ethereum.

Autore

Vi siete persi nell'universo delle criptovalute? Benvenuti su Criptosociety, la piattaforma educativa dove divulghiamo le criptovalute e i Bitcoin per aiutarvi a scoprire questo universo decentralizzato attraverso varie presentazioni di progetti cripto, accompagnate da guide e tutorial.

Scrivere un commento

Please enter and activate your license key for Cryptocurrency Widgets PRO plugin for unrestricted and full access of all premium features.