Attualmente, il Proof of work e il Proof of stake sono i due algoritmi di consenso della blockchain più utilizzati. Questi due metodi svolgono un ruolo essenziale per una blockchain. In particolare, determinano chi può o non può aggiungere i blocchi successivi.

Tecnologia blockchain in criptovaluta

Come suggerisce il nome, una blockchain è composta da blocchi. Seguendo un protocollo rigoroso, questi blocchi registrano le informazioni e le transazioni che avvengono in rete. È l’algoritmo di consenso (PoW o PoS, tra gli altri) a definire chi costruisce i blocchi, e poi sono i nodi della rete a giudicare se sono conformi al protocollo (regole).

Questa tecnologia è decentralizzata e non ha intermediari. Sono i molti partecipanti a detenere le informazioni, non una singola entità come siamo abituati a fare.

Che cos'è la prova di lavoro (PoW) in crypto?

Utilizzato oggi da Bitcoin o Ethereum, PoW è il primo algoritmo di consenso ad essere apparso. Per creare nuovi blocchi, i partecipanti alla rete (i minatori) mettono a disposizione la loro potenza di calcolo per risolvere complessi problemi matematici. Più si va avanti nel tempo, più i problemi saranno complicati e quindi sarà necessaria più energia per risolverli. Quando un blocco viene aggiunto alla blockchain, significa che il risultato di un miner è stato verificato e quindi adottato dalla rete. In questo caso, il minatore riceve la “ricompensa del blocco”: nuove criptovalute, oltre alla commissione di transazione come ricompensa per il lavoro effettuato.

Che cos'è la Proof of Stake (PoS) in crypto?

Invece di utilizzare la potenza di calcolo per partecipare alla sicurezza della blockchain, l’algoritmo di consenso Proof of stake consente di partecipare alla sicurezza della rete mettendo in gioco un certo numero di gettoni. Infatti, per forgiare i blocchi e aggiungerli alla blockchain, gli utenti devono bloccare un certo numero di token. Saranno quindi selezionati in base a diversi criteri: il numero di gettoni che hanno puntato, la data in cui sono stati puntati o in modo casuale. Come i minatori PoW, i “falsari” PoS ricevono una ricompensa in criptovalute.

Per penalizzare i validatori disonesti, esiste un meccanismo di penalizzazione chiamato “Slashing”. Un validatore che non rispetta le regole della rete può subire una riduzione dei suoi gettoni. Peggio ancora, potrebbe essere bannato temporaneamente o permanentemente. Tuttavia, questo meccanismo non è utilizzato da tutte le blockchain: è il caso di Cardano, che si basa su un sistema unico di condivisione delle ricompense.

Vantaggi e svantaggi dei due algoritmi

I vantaggi di uno sono gli svantaggi dell’altro. Mentre l’algoritmo Proof of work è ad alta intensità energetica, a causa della crescente difficoltà di estrazione, l’algoritmo Proof of stake richiede una quantità di energia notevolmente inferiore.

Esistono tuttavia ripercussioni sulla sicurezza delle blockchain. A questo proposito, l’algoritmo Proof of work è il vincitore. In effetti, sarebbe necessario un attacco che mobiliti almeno il 51% della potenza prima che la rete possa essere violata. Sarà comunque possibile raccogliere più energia per evitare questo attacco. Per quanto riguarda il PoS, questa soluzione non è possibile. Basta che un’entità malintenzionata (che può essere un gruppo di utenti) raccolga il 51% dei token emessi e diventerà virtualmente intoccabile. Le soluzioni rimanenti saranno purtroppo distruttive.

D’altra parte, entrambi gli algoritmi pongono un certo problema di centralizzazione:

  • PoW: aumentando la difficoltà dei problemi matematici, compaiono enormi pool di mining (raggruppamenti di minatori) che detengono gran parte della potenza della rete.
  • PoS: come spiegato in precedenza, per poter forgiare i blocchi in PoS è necessario mettere in gioco un minimo di gettoni. Se questo minimo è troppo alto, soprattutto in termini di prezzo (ad esempio, minimo 32 ETH), solo coloro che possono permetterselo o i pool (raggruppamenti di operatori) saranno in grado di costruire blocchi.

Va tuttavia ricordato che l’algoritmo Proof of Stake è più recente e mira a correggere alcune delle carenze del Proof of Work. Pertanto, il più giovane offre una migliore scalabilità (capacità di adattamento di una rete a una forte domanda) con transazioni molto più veloci e a costi inferiori.

Tabella di sintesi :

Autore

Vi siete persi nell'universo delle criptovalute? Benvenuti su Criptosociety, la piattaforma educativa dove divulghiamo le criptovalute e i Bitcoin per aiutarvi a scoprire questo universo decentralizzato attraverso varie presentazioni di progetti cripto, accompagnate da guide e tutorial.

Scrivere un commento

Please enter and activate your license key for Cryptocurrency Widgets PRO plugin for unrestricted and full access of all premium features.