Le sanzioni internazionali impediscono ancora ai russi di accedere alla rete di pagamento SWIFT, ma Mosca sembra aver cambiato idea. Il governo vuole ora sperimentare la blockchain, una strategia che Vladimir Putin aveva precedentemente escluso.

La Russia si affiderà alla blockchain per sostituire SWIFT?

Lo scorso febbraio le banche russe sono state escluse dal sistema di pagamento interbancario SWIFT per decisione della comunità internazionale. La mossa era volta ad accelerare la risoluzione della guerra in Ucraina, soffocando economicamente la Russia.

Ma quattro mesi dopo, la situazione è in stallo e la Russia starebbe cercando soluzioni alternative. L’organizzazione governativa Rostec, che riunisce diverse aziende locali del settore tecnologico, ha annunciato questo mese lo studio di un sistema per consentire i pagamenti bancari internazionali. Questo tipo di soluzione esiste già, in particolare in Cina. Nel 2015 il Paese ha lanciato il suo sistema di pagamento interbancario internazionale, chiamato CIPS.

Registri distribuiti e portafogli digitali

In Russia, il progetto attuale si chiama CELLS e probabilmente si baserà sulla blockchain. Secondo un comunicato stampa di Rostec, il sistema, realizzato dall’Istituto di Novosibirsk per i sistemi software (NIPS), utilizzerà i libri mastri distribuiti per accogliere diverse valute fiat.

Tuttavia, CELLS andrà oltre SWIFT: consentirà ai suoi utenti di creare portafogli per memorizzare le valute digitali, secondo il comunicato. In termini di capacità, Rostec punta a 100.000 transazioni al secondo, almeno inizialmente.

Il governo russo ha fatto marcia indietro?

Nelle ultime settimane, si è diffusa la sensazione che in Russia si stia cambiando rotta verso le tecnologie legate alla blockchain. All’inizio di quest’anno, la Banca centrale del Paese si è dimostrata ancora una volta ostile al settore, suggerendo addirittura di vietare del tutto le criptovalute. Più misurata la Duma, ma non particolarmente aperta all’argomento.

La situazione potrebbe cambiare? Mentre l’Ucraina ha integrato una strategia di criptovalute fin dai primi giorni del conflitto, la Russia potrebbe seguirne l’esempio. Lo scorso maggio, un membro del Ministero delle Finanze ha spiegato:

L'idea di utilizzare le valute digitali per regolare le transazioni internazionali viene discussa attivamente.

Un membro del Ministero delle Finanze russo

La Banca Centrale procede in questo senso

Ciò è stato ulteriormente confermato da una retromarcia a sorpresa del governatore della Banca di Russia, Elvira Nabiullina. Storicamente molto contraria alle criptovalute, la settimana scorsa ha dichiarato a RBC che le criptovalute potrebbero essere utilizzate per i pagamenti internazionali. A una condizione: che non siano integrati nel sistema finanziario interno della Russia. Ha spiegato Nabiullina:

Le criptovalute non dovrebbero essere negoziate sui mercati organizzati, poiché questi asset sono troppo volatili e rischiosi per i potenziali investitori.

lvira Nabiullina, Governatore della Banca di Russia

Troppo rischioso per gli investitori, quindi, ma non necessariamente per sostenere l’economia russa, che ora sta soffrendo molto per il suo isolamento internazionale? Questa ammissione della banca centrale del Paese dimostra che le cose stanno cambiando anche in Russia.

Autore

Cofondatore di Criptosociety, sono appassionato di Bitcoin da diversi anni. Il mio obiettivo è quello di lavorare per la democratizzazione del Bitcoin, della Blockchain e delle criptovalute per rendere questo universo selvaggio accessibile al maggior numero di persone possibile. Mi piace condividere la mia esperienza e sono sempre disponibile a rispondere alle vostre domande, sia per e-mail, nei commenti o sui social network.

Scrivere un commento

Please enter and activate your license key for Cryptocurrency Widgets PRO plugin for unrestricted and full access of all premium features.