Nikolai Mushegian, cofondatore di Balancer Labs e sviluppatore di MakerDAO, è stato trovato annegato a Porto Rico. I recenti tweet di Mushegian su vari enti statunitensi hanno sollevato molti sospetti nella comunità crypto.

Il cofondatore di Balancer Labs e sviluppatore di MakerDAO Nikolai Mushegian è stato trovato morto a Porto Rico. 

Secondo i media locali, il 29enne sarebbe morto per annegamento. 

Mushegian sarebbe stato trascinato dalla corrente mentre nuotava sulla spiaggia di Condado a San Juan, come riporta il quotidiano locale El Nuevo Día.I recenti tweet di Mushegian su vari enti statunitensi hanno sollevato molti sospetti nella comunità crypto.

Il corpo di Mushegian è stato recuperato, ma al momento non si sa altro sull’incidente.

Mushegian non aveva segni significativi quando il suo corpo è stato recuperato.

La spiaggia di Condado è considerata uno dei luoghi più pericolosi al mondo per i nuotatori. Si stima che nel 2021 abbia causato la morte di almeno otto persone.

Mushegian è stato il cofondatore di Balancer Labs ed era noto per aver lavorato a un fork della stablecoin DAI.

Non molto in vista, Mushegian aveva condiviso alcuni tweet specifici sulle agenzie e i servizi di intelligence statunitensi e israeliani, arrivando a parlare di potenziali tentativi di assassinio.

La tempistica della morte di Mushegian ha destato particolare preoccupazione nella comunità.

Sul suo account Twitter, Delete_shitcoin, che conta circa 6.000 follower, è stato pubblicato uno strano tweet poche ore prima della sua morte.

Il documento fa riferimento a presunti ricatti da parte dei servizi segreti governativi e a potenziali torture a morte nei suoi confronti.

La comunità crypto si è affrettata a speculare sulla natura della sua morte. 

Facendo riferimento al suo ultimo tweet e ad altri che aveva pubblicato in passato, molti utenti di Internet hanno indagato.

Un tweet pubblicato all’inizio di settembre menzionava i possibili scenari che lo attendevano: un omicidio mascherato da suicidio o un danno cerebrale che lo rendeva schiavo, entrambi orchestrati da un’agenzia di servizi segreti statunitense.

Queste inquietanti dichiarazioni non sono le prime condivise da Mushegian e nei mesi precedenti la sua morte si possono trovare numerosi tweet sullo stesso tema.

Tra i membri più rispettabili della comunità, nessuno osava commentare i retroscena della sua morte. 

Con rispetto, Emin Gün Sirer, fondatore di AVA Labs e Craig Sellar, fondatore di Tether, hanno entrambi offerto le loro condoglianze su Twitter. 

Quest’ultimo ha notato che la sua morte arriva cinque giorni dopo che la comunità di MakerDAO ha approvato la partnership con il deposito Coinbase.

Ulteriori informazioni su : MakerDAO affida 1,6 miliardi di dollari a Coinbase 

Autore

Vi siete persi nell'universo delle criptovalute? Benvenuti su Criptosociety, la piattaforma educativa dove divulghiamo le criptovalute e i Bitcoin per aiutarvi a scoprire questo universo decentralizzato attraverso varie presentazioni di progetti cripto, accompagnate da guide e tutorial.

Scrivere un commento