Mastercard, HSBC, Wells Fargo e altre grandi banche si sono unite alla Fed per annunciare la sperimentazione di una moneta digitale CBDC.

Alcune importanti società di servizi finanziari hanno collaborato con la Federal Reserve di New York per annunciare un programma di 12 settimane sul dollaro digitale.

Il programma pilota, della durata di 12 settimane, esplorerà l’uso di una piattaforma nota come Regulated Liability Network (RLN), in cui le banche emettono token che rappresentano i depositi dei clienti e che vengono regolati da una riserva della banca centrale su un libro mastro distribuito e condiviso.

Ecco il nostro resoconto della collaborazione.

Le banche uniscono le forze con la Fed per un dollaro digitale

Tra le banche e le società che partecipano al programma figurano Citigroup, HSBC, Mastercard, Wells Fargo e PNC Financial Services.

Il progetto Proof of Concept (PoC) testerà una versione della rete di responsabilità regolamentata che opera esclusivamente in USD.

In questo caso, le banche commerciali emettono denaro digitale simulato o ” gettoni”, che rappresentano i depositi dei propri clienti, e regolano per banca centrale simulata le riserve su un libro mastro distribuito condiviso.

La piattaforma si allineerà al quadro normativo esistente e manterrà i requisiti per l’elaborazione dei pagamenti basati sui depositi e l’antiriciclaggio.

Il PoC simulerà l’emissione di valuta digitale (CBDC) da parte di istituzioni regolamentate in dollari USA, anche se il concetto potrebbe potenzialmente essere esteso alle transazioni multivaluta e alle stablecoin regolamentate.

Il Proof of Concept simulerà token fungibili al 100% e scambiabili con altre forme di valuta e includerà un dialogo con la più ampia comunità bancaria statunitense, comprese le banche locali e regionali.

La moneta digitale del progetto (CBDC) e il sistema bancario

Per von Zelowitz, direttore del New York Innovation Center della Fed, ha dichiarato in un comunicato che il centro

non vede l’ora di collaborare con i membri della comunità bancaria per far progredire la ricerca sulla tokenizzazione degli asset e sul futuro dell’infrastruttura del mercato finanziario negli Stati Uniti come moneta“.

Per la Fed di New York,

il progetto sarà condotto in un ambiente di prova e utilizzerà solo dati simulati.

Il documento non intende indicare che la Federal Reserve prenderà decisioni imminenti sull’emissione di una valuta digitale della banca centrale al dettaglio o all’ingrosso, o su come questa debba essere concepita.

Una dichiarazione che la comunità delle criptovalute stenta a credere.

Il 4 novembre la Fed di New York ha pubblicato un rapporto sui risultati della fase 1 del progetto Cedar dell’Innovation Center.

Si tratta di un lavoro di ricerca in più fasi che mira a sviluppare un quadro tecnico per la valuta digitale teorica della banca centrale (CBDC) nel contesto della Federal Reserve.

Michelle Neal, responsabile del gruppo di mercato della Fed di New York, ha dichiarato lo stesso giorno che “il CBDC statunitense – una forma digitale del dollaro USA che è una responsabilità diretta della Federal Reserve – ha il potenziale per fornire benefici significativi“.

Questo potrebbe consentire un sistema di pagamento più efficiente, fornire una base per nuove innovazioni tecnologiche e facilitare transazioni transfrontaliere più rapide“, ha proseguito in un discorso al Singapore Fintech Festival.

Ciò potrebbe promuovere l’inclusione finanziaria e l’equità, fornendo l’accesso a un’ampia gamma di consumatori e favorendo la crescita economica e la stabilità“, ha concluso.

Autore

Vi siete persi nell'universo delle criptovalute? Benvenuti su Criptosociety, la piattaforma educativa dove divulghiamo le criptovalute e i Bitcoin per aiutarvi a scoprire questo universo decentralizzato attraverso varie presentazioni di progetti cripto, accompagnate da guide e tutorial.

Scrivere un commento