Cosa sono gli NFT: Tutto sui Non Fungible Tokens

Arte, blockchain, criptovalute e giochi: definizione di NFT

La risposta alla domanda “Che cos’è un NFT?” è spesso del tipo: un NFT (Non Fungible Token) è un token non fungibile. Ma prima di tutto, cosa significa non fungibile? Questa grande parola usata nel diritto è molto meno usata nel nostro linguaggio quotidiano.

Un bene non fungibile è un bene non intercambiabile, ovvero è unico e non può essere confuso con un altro bene. Una merce, come il riso, o una criptovaluta, come il Bitcoin, sono esempi di beni fungibili: possono essere sostituiti da beni simili senza bisogno di differenziarli.

Questo token crittografico non fungibile viene quindi memorizzato su una blockchain (più spesso Ethereum) per diventare il certificato di autenticità di un file digitale ad esso collegato (più spesso arte). Questo file digitale è fungibile: un’immagine, un video o un suono possono essere copiati e duplicati, ma non il token crittografico che ne costituisce il certificato.

Un'arte NFT è sulla blockchain?

Non necessariamente e soprattutto non realmente! Le NFT come le conosciamo esistono dal 2014 circa, ma sono diventate note a livello globale a partire dal 2016 e 2017 grazie alle prime collezioni d’arte che utilizzano questa tecnologia: Rare Pepes, CryptoPunks e CryptoKitties.

Oggi si tende a collegare gli NFT ai file digitali che certificano, e questo è abbastanza normale, ma tecnicamente parlando, un NFT rimane un uso originale di uno smart contract: un token memorizzato sulla blockchain.

Il funzionamento della blockchain consente di certificare la validità di tutte le transazioni al suo interno e quindi la validità di un token non fungibile memorizzato su di essa. È inoltre molto facile navigare nella blockchain per osservare le transazioni, consentendo a chiunque di verificare l’origine e la storia completa di un NFT.

Per semplificare notevolmente le cose, un NFT è un certificato di autenticità, memorizzato in modo immutabile sulla blockchain, che lo rende più efficace di un certificato di autenticità cartaceo.

Può essere utilizzato in vari modi: molte scuole stanno già rilasciando i loro diplomi sotto forma di NFT, in modo che non siano falsificabili. Anche alcuni marchi di orologi di lusso hanno avuto l’idea di utilizzare la blockchain per certificare le loro creazioni. In breve, non ci sono limiti all’uso delle NFT!

Come funziona l'Nft?

NFT sta per “token non fungibile”. L’aggettivo “fungibile” è un termine economico che si riferisce a un bene o a un’attività che può essere scambiata con un altro bene o attività di pari valore. Un oggetto “non fungibile” non può essere scambiato con un oggetto di pari valore.
Infine, il Larousse lo definisce come segue: “Detto di cose che si consumano con l’uso e che possono essere sostituite da cose dello stesso tipo, qualità e quantità (ad esempio, prodotti alimentari, denaro)”.

Crypto, token non fungibili, token digitali... che cos'è l'nft?

Un NFT è quindi un file digitale a cui è allegato un certificato digitale di autenticità che lo rende unico e non intercambiabile. Ottenendo un NFT, un acquirente diventa proprietario esclusivo di un bene digitale: un dipinto, un video, una fotografia, un meme, un elemento di un videogioco, un film, ecc.
Le NFT sono innanzitutto un metodo, quello dell’autenticità garantita da un certificato assicurato dalla blockchain (una definizione precisa è fornita di seguito). Il mercato impattato ammonta già a 10 miliardi di dollari (si tratta di una stima) e potrebbe trovare molti casi d’uso. Un NFT garantisce la proprietà esclusiva di un bene digitale.
Un NFT può essere acquistato a un determinato prezzo, ma il fatto che non sia fungibile permette al suo valore di mercato di fluttuare.

Autore

Vi siete persi nell'universo delle criptovalute? Benvenuti su Criptosociety, la piattaforma educativa dove divulghiamo le criptovalute e i Bitcoin per aiutarvi a scoprire questo universo decentralizzato attraverso varie presentazioni di progetti cripto, accompagnate da guide e tutorial.

Scrivere un commento