Ethereum (ETH): cos’è, come funziona e come si compra?

Che cos'è Ethereum e come funziona?

Definizione di Ethereum: cos'è e come funziona?

Dalla sua nascita, Ethereum ha avuto un’ambizione: diventare un computer globale. Così, mentre Bitcoin voleva decentralizzare la valuta e i trasferimenti di denaro, Ethereum vuole per definizione decentralizzare le applicazioni.

A tal fine, ogni applicazione viene distribuita sotto forma di “smart contract” contratto intelligente.

Questi contratti consentono di definire varie logiche che verranno eseguite automaticamente dalla rete quando vengono richiamate.

Come il suo compagno Bitcoin, Ethereum è un protocollo monetario peer-to-peer.

I software specializzati, chiamati client, consentono la comunicazione diretta tra gli utenti.

Così, da un computer A è possibile emettere una transazione contenente un valore (ETH) che sarà inviato a un destinatario.

Una volta pubblicata sulla rete, la transazione verrà propagata attraverso una rete di nodi.

Una volta che l’intera rete è a conoscenza della transazione, questa viene inserita in un blocco da un miner.

Non appena viene aggiunto, la transazione sarà considerata valida e il valore sarà stato spostato dal vostro indirizzo a quello del destinatario.

Al di là dei semplici trasferimenti, Ethereum è stato in grado di distinguersi per la diffusione su larga scala di un concetto immaginato da Nick Szabo nel 1990.

Come abbiamo visto in precedenza, i contratti intelligenti consentono di eseguire automaticamente azioni predeterminate quando le condizioni sono soddisfatte.

Nel tempo, i contratti intelligenti sono diventati più complessi e hanno permesso a Ethereum di ospitare altre valute e protocolli sulla sua rete.

Pertanto, oltre all’ETH, la rete ospita molte altre criptovalute, le più significative delle quali sono USDT, UNI di Uniswap e USDC.

Questi vengono eseguiti su una macchina virtuale globale e decentralizzata chiamata Ethereum Virtual Environment (EVM).

Questo è supportato da tutti i nodi della rete.

Inoltre, questi contratti intelligenti hanno permesso lo sviluppo di un ecosistema di applicazioni finanziarie complesse, chiamato DeFi (Decentralized Finance).

Questi diversi protocolli mirano a decentralizzare i prodotti finanziari tradizionali, come il prestito o il risparmio.

Panoramica dei protocolli DeFi

Spiegazione della Blockchain di Ethereum

La blockchain di Ethereum incorpora tutti i concetti crittografici di chiavi private e chiavi pubbliche comuni a tutte le criptovalute.

Ad ogni blocco convalidato, vengono emessi nuovi ETH che vengono dati al validatore che ha creato il blocco.

A differenza del Bitcoin, però, questo valore non è fisso o decrescente nel tempo.

Attualmente vengono creati circa 2.927 ETH per ogni blocco, ovvero ogni 20 secondi circa.

Finora, il consenso sullo stato generale della chain e dei conti è stato raggiunto attraverso un meccanismo chiamato Proof of Work, come nel caso di Bitcoin.

In Proof of Work, gli attori chiamati minatori hanno il compito di convalidare le transazioni impiegando una grande quantità di potenza di calcolo, generata da schede grafiche (GPU).

Tuttavia, a causa delle prestazioni limitate e del consumo di energia, nel corso del 2022 Ethereum passerà da Proof of Work a un nuovo meccanismo chiamato Proof of Stake.

In questa modalità di consenso, i minatori sono sostituiti dai nodi validatori, che invece di impiegare la potenza di calcolo, bloccheranno 32 ETH chiamati collaterals.

Se questi ultimi dovessero agire in modo dannoso per la catena, il protocollo li sanzionerà attraverso un meccanismo chiamato slashing, che mira a imputare parte della garanzia.

Quando si utilizza Ethereum, ci si imbatte in un’altra unità di valore rispetto all’ETH, ovvero il gas.

Il gas si riferisce al costo del completamento di una transazione o dell’esecuzione di una funzione contrattuale su Ethereum.

Il valore è espresso in gwei, ovvero una frazione di ETH.

A cosa serve il gettone Ethereum (ETH)? Qual è la sua utilità?

Un mezzo di pagamento

Come il Bitcoin e la maggior parte delle criptovalute, Ethereum è principalmente un metodo di pagamento peer-to-peer.

Il protocollo consente di trasferire valore tramite transazioni da un mittente a un destinatario.

Un computer globale

Grazie al suo sistema di contratti intelligenti, Ethereum consente di decentralizzare tutte le applicazioni finora conosciute su Internet. 

In questo modo, la rete permette di distribuire un’applicazione evitando alcuni rischi che prima erano insiti nella centralizzazione di Internet, in particolare i cosiddetti attacchi DDoS, che mirano a mettere offline un servizio prendendo di mira il server che lo ospita.

La base dell'infrastruttura finanziaria decentrata

Come abbiamo visto, i contratti intelligenti consentono a Ethereum di ospitare e decentralizzare un’intera gamma di applicazioni finanziarie complesse. 

Questo lo rende un candidato perfetto per essere l’infrastruttura centrale di un nuovo ecosistema finanziario completamente decentralizzato, che offra gli stessi servizi del mondo bancario, eliminando l’intermediario.

Con Ethereum è già possibile salvare, prestare e scambiare beni senza bisogno di un intermediario di fiducia.

Data l’evoluzione dell’ecosistema negli ultimi cinque anni, il futuro e le possibilità sono molto interessanti.

Binance – 20% di sconto sui costi di commissioni

Binance è la piattaforma leader per l’acquisto e la vendita di criptovalute. Anno dopo anno, è diventato il numero 1 in termini di volume e influenza.

Oltre a Ethereum (ETH) è possibile negoziare oltre 300 diverse criptovalute.

Questo offre anche il trading con leva per i più avventurosi, nonché un servizio di staking per creare un reddito passivo senza alcuno sforzo.

👉 Iscriversi a Binance

FTX – 5% di sconto sulle commissioni

FTX è l’ultima arrivata nell’ecosistema delle piattaforme di trading, ma non ha nulla da invidiare alla concorrenza. 

Oltre a Ethereum (ETH) è possibile negoziare oltre 200 diverse criptovalute. 

Questa si è distinta dalle altre piattaforme per l’offerta di cripto-derivati come i futures e il trading con leva.

👉 Registrazione su FTX

Kucoin – 10% di sconto sulle spese 

Kucoin è il paradiso delle criptovalute a bassa capitalizzazione.

Oltre a Ethereum (ETH) è possibile negoziare oltre 300 diverse criptovalute.

Questa ha scelto di concentrarsi sulle criptovalute meno conosciute, ma non per questo poco interessanti.

👉 Iscrizione a Kucoin

Quali sono i portafogli per conservare i token di Ethereum (ETH)?

Portafogli online

MyCrypto
Precedentemente noto come MyEtherWallet, MyCrypto è un portafoglio online per Ethereum.

Non è necessario scaricare nulla per accedere al portafoglio.

Permette di memorizzare e gestire i propri ETH e altri asset ospitati su Ethereum.

Recentemente, MyCrypto consente anche di scambiare i propri asset direttamente dalla sua interfaccia.

Portafogli scaricabili

Metamask
Metamask è di gran lunga il portafoglio di riferimento su Ethereum.

Disponibile sia tramite un’estensione del browser che su cellulare, consente di memorizzare i propri ETH e tutte le criptovalute che si evolvono su Ethereum.

Si rivela inoltre un ottimo alleato per interagire con la moltitudine di applicazioni decentralizzate e soprattutto con l’ecosistema DeFi.

Argent wallet

Argent è un portafoglio mobile di nuova generazione.

Permette di conservare e gestire i propri ETH e tutte le criptovalute che si evolvono sulla blockchain di Ethereum.

Estremamente innovativo, Argent abroga le regole tradizionali eliminando la nozione di chiave privata grazie al suo sistema Guardian.

Infine, è collegato a una dozzina di applicazioni DeFi che consentono di interagire direttamente con esse.

Portafogli hardware

Ledger Nano

Ledger, oltre a essere un’azienda in Europa, è diventata un punto di riferimento in termini di hardware wallet.

Sotto forma di chiave USB, Ledger Nano è un portafoglio ultra-sicuro che può memorizzare centinaia di criptovalute, tra cui ETH e tutte le criptovalute che si evolvono su Ethereum.

È disponibile in due versioni: Ledger Nano S e Ledger Nano X.

Il primo, meno costoso, ha uno spazio ridotto, mentre il secondo, ovviamente un po’ più costoso, offre più spazio di archiviazione e la possibilità di connettersi via Bluetooth.

Domande frequenti sulla criptovaluta Ethereum (ETH)

Ethereum è una blockchain la cui criptovaluta nativa è l’Ether (ETH).

Mira a decentralizzare le applicazioni e, più recentemente, tutti i servizi finanziari tradizionali grazie ai suoi contratti intelligenti.

Se avete un conto su una piattaforma di scambio, non è necessario cambiarlo.

In caso contrario, Binance può essere un’ottima soluzione, in quanto consente di acquistare criptovalute direttamente con carta di credito.

Se volete memorizzare le vostre prime frazioni di ETH, Metamask o Argent sembrano essere le soluzioni migliori, poiché sono gratuite.

Oltre una certa cifra, potrebbe essere interessante investire in un portafoglio hardware come quelli offerti da Ledger.

Ethereum è da tempo la seconda criptovaluta in termini di capitalizzazione. Inoltre, la sua rete ospita una moltitudine di altri progetti, che hanno tutti bisogno di ETH per funzionare.

È difficile dare un solo consiglio per rispondere a questa domanda.

Per anticipare al meglio le sue variazioni, è importante imparare l’analisi tecnica che, se viene appresa, può rivelarsi un importante alleato.

La mente di Ethereum è Vitalik Buterin.

A differenza di Bitcoin, dove Satoshi Nakamoto è rimasto anonimo, il creatore di Ethereum è un giovane informatico russo-canadese.

Ethereum, come la blockchain di Bitcoin, è molto sicuro.

Il principio stesso della blockchain implica una sicurezza ottimale. Ogni blocco creato è collegato, tramite impronta crittografica, a quello che lo precede.

Una persona malintenzionata che volesse modificare i dati della blockchain dovrebbe impiegare una potenza di calcolo (e quindi finanziaria) incommensurabile.

Dovrebbe ottenere più del 51% della potenza di calcolo totale mobilitata. L’investimento richiesto, solo per modificare un blocco, non sarebbe affatto redditizio.

Come per il Bitcoin, nessuno controlla il prezzo. Nessuno Stato, nessuna banca è in grado di intervenire e bloccare il suo prezzo come avviene per le valute fiat.

Il suo prezzo è stabilito dall’equilibrio tra domanda e offerta. Se molte persone vogliono comprare ETH ma poche lo vendono, il prezzo sale. Al contrario, se ci sono più venditori che acquirenti, il prezzo scenderà.