Cosa sono i derivati finanziari: definizione

Introduzione agli strumenti derivati

I mercati finanziari sono vasti e pericolosi per coloro che osano avventurarsi in essi senza conoscere i dettagli e i vari strumenti. 

In questo articolo parleremo dei derivati, un tipo di attività molto potente e popolare per gli operatori di mercato individuali, professionali e istituzionali. 

Vediamo cosa sono, a cosa possono servire e forniamo degli esempi per aiutarvi a capire. 

Cosa si intende per derivato?

I derivati sono titoli finanziari direttamente garantiti o dipendenti da un’attività sottostante (indici, materie prime, criptovalute, ecc.).

Si tratta infatti di un contratto tra due parti che concordano il prezzo di un’attività ( il bene sottostante) e una data fissa.

Come si può notare, il valore di un derivato dipende dal valore dell’attività che rappresenta nel tempo.

Possiamo quindi vedere il mercato diviso in due parti:

  • Il mercato cash: dove gli asset sono pagati in contanti (si paga direttamente l’asset che si sta acquistando).
  • Il mercato dei derivati: dove le attività vengono pagate a una data futura prestabilita.

Anche i derivati possono essere suddivisi in due categorie:

  • Prodotti fissi: obbligano le parti ad acquistare o vendere l’attività alla data stabilita. Esistono diversi tipi di contratti, come i forward, i futures (contratti a termine), gli swap, ecc.
  • Derivati opzionali: offrono semplicemente il diritto di acquistare o vendere l’attività, ma senza alcun obbligo.

    Tra questi vi sono i warrant e le opzioni

Più avanti in questo articolo esamineremo i diversi derivati e le loro differenze.

I derivati sono stati originariamente utilizzati per coprire (hedging) i fondi di investimento o le società dall’aumento delle materie prime o di una particolare valuta.

Tuttavia, i derivati hanno attualmente molte altre funzioni che rendono i mercati molto più accessibili e attraenti per gli individui.

Quali sono i diversi tipi di derivati?

Come si può notare, i derivati non impegnano ad acquistare l’attività sottostante, ma solo a scommettere sul suo aumento o sulla sua diminuzione. 

In questa sede parleremo solo dei derivati presenti sul mercato delle criptovalute. 

A tal fine, le piattaforme mettono a disposizione diversi tipi di derivati:

  • CFD: un CFD è l’acronimo di Contract For Difference (contratto per differenza) ed è uno strumento derivato che consente di speculare su un’attività a basso costo.

    Alla chiusura della posizione, si guadagna o si perde la differenza tra il prezzo di acquisto del CFD e il suo prezzo di vendita.

    Con i CFD sono disponibili molte opzioni di leva e i prodotti con cui è possibile operare sono numerosi e diversificati (Forex, indici, tutti i tipi di azioni, materie prime, ecc.).

    Un altro grande vantaggio dei CFD è che non hanno una data di scadenza, il che significa che non avrete una data fissa imposta per la vendita del contratto, a differenza del contratto future che può averne una.

  • Futures (contratto a termine): I contratti futures o forward sono semplicemente un contratto stipulato tra due parti (acquirente e venditore) per concordare il prezzo di rivendita di un’attività a una data prestabilita.

    Questo strumento viene spesso utilizzato per proteggersi dalle fluttuazioni del prezzo dell’attività sottostante, come spiegato in precedenza.

    I contratti futures sono quindi prodotti fermi, in quanto la parte acquirente è obbligata a rivendere l’attività sottostante alla data concordata.

  • Opzioni: Le opzioni sono un contratto finanziario che consente all’investitore di acquistare o vendere un’attività a un prezzo e a un tempo prestabiliti.

    Si tratta di un derivato opzionale perché l’investitore non è obbligato ad acquistare o vendere l’attività, ma ha il diritto di farlo.

  • Certificati: i certificati sono titoli garantiti da un’attività sottostante.

    Tuttavia, consentono di scommettere sul rialzo, sul ribasso e persino sulla lateralizzazione (stagnazione) di una criptovaluta, rendendo questo strumento relativamente complesso e dedicato principalmente ai più esperti. Si tratta di un prodotto da banco

Ci sono ancora molti derivati in circolazione, ma ora sapete quali sono i più importanti che dovrete affrontare nel mercato delle criptovalute.

Conclusione

Esistono molti derivati e molti usi per essi.

Tuttavia, si tratta spesso di prodotti che espongono a un’elevata leva finanziaria, il che significa maggiori guadagni potenziali, ma anche maggiori perdite.

Autore

Vi siete persi nell'universo delle criptovalute? Benvenuti su Criptosociety, la piattaforma educativa dove divulghiamo le criptovalute e i Bitcoin per aiutarvi a scoprire questo universo decentralizzato attraverso varie presentazioni di progetti cripto, accompagnate da guide e tutorial.

Scrivere un commento